Ultima modifica: 23 Luglio 2021

CLIL

Il nostro Istituto implementa il progetto di potenziamento CLIL (Content and Language Integrated Learning), apprendimento integrato di contenuti disciplinari in lingua straniera veicolare. L’introduzione dell’insegnamento in modalità CLIL aumenta la motivazione ad apprendere, sviluppa la dimensione linguistico-cognitiva in italiano e in inglese, accresce le competenze metacognitive, l’autonomia di giudizio, il pensiero creativo e personale e soprattutto promuove la capacità di lavorare in gruppo.

PROGETTI A.S. 2020/21

 I rigidi protocolli Covid ci hanno imposto di ritornare al precedente impianto organizzativo del progetto CLIL, per cui le attività sono state svolte all’interno di singole classi intere con la compresenza tra docente di potenziamento e quelli curricolari. L’Agenda 2030 – con particolare riferimento alle tematiche di cibo, acqua e sostenibilità – si è dimostrata ancora una volta un ottimo punto di partenza per ideare percorsi didattici innovativi, sfruttare la spinta verso il digitale e sperimentare forme “nuove” di CLIL, combinando attività in presenza e a distanza.

Lasciamo raccontare al nostro magazine digitale tutte le attività svolte durante l’anno scolastico nelle varie classi coinvolte. Buona lettura!

A mag created with Madmagz.

 

PROGETTI A.S. 2019/20

CLIL & ETWINNING FOR THE 2030 AGENDA 

Pur continuando a essere distribuito su 9 ore settimanali, nell’a.s. 2019/20 l’impianto organizzativo del progetto di potenziamento CLIL ha subìto un profondo cambiamento rispetto al precedente biennio. Partendo da una sperimentazione a classi aperte, in modo da coinvolgere alunni da tutte le sezioni della scuola secondaria di I grado, si sono costituite tre classi CLIL seguite da insegnanti in compresenza (lingua straniera + disciplina non linguistica). I ragazzi di primo, secondo e terzo anno (circa 20 per classe) hanno seguito due lezioni settimanali da 60 minuti tenute nell’aula CLIL, ambiente destinato allo svolgimento di questa specifica attività.

Utilizzando tecnologie digitali e classi virtuali come supporto fondamentale per la metodologia CLIL, gli studenti hanno sviluppato le competenze chiave europee, approfondendo contenuti disciplinari in lingua inglese. Il progetto è continuato anche nel periodo di Didattica a Distanza, traendo vantaggio dall’uso di classi virtuali e nuove tecnologie che erano state integrate nei percorsi didattici in presenza già a partire da ottobre.

Tutte le classi hanno trattato delle tematiche trasversali all’Agenda 2030 e allo Sviluppo Sostenibile, partecipando in parallelo al progetto eTwinning Making sustainability goals possible, con scuole partner da Spagna, Turchia, Portogallo e Germania.

 

SPERIMENTAZIONE CLIL A CLASSI APERTE

– CLASSE PRIMA CLIL (Cittadinanza attiva)

Docenti in compresenza: prof.ssa Licia Arcidiacono (inglese); prof.ssa Gabriella Arcadipane (Italiano)

Titolo: Make the green thing!

Tematiche: Agenda 2030, sviluppo sostenibile, inquinamento ambientale

 

Dopo un primo modulo introduttivo sugli elementi principali della metodologia CLIL e la creazione di poster per decorare l’aula, gli alunni hanno intrapreso un percorso tematico che ha puntato a: sensibilizzare verso le sfide globali e i punti dell’Agenda 2030, con particolare riferimento alla tematica ecologica e al rispetto dell’ambiente; sviluppare competenze chiave di cittadinanza e soft skills; pianificare e realizzare collaborativamente un prodotto finito, imparando a esprimere la propria creatività e usare efficacemente i mezzi di comunicazione digitale.

Gli alunni hanno acquisito lessico specifico in lingua inglese con mappe concettuali e attività mirate a individuare cause e conseguenze dei problemi ambientali del nostro Pianeta. Sono stati proposti una serie di task per acquisire consapevolezza del tipo di “impatto ambientale” attribuibile alle proprie abitudini di vita.

Gli alunni hanno effettuato una ricerca di gruppo sulle macro-aree dell’Agenda 2030. Partendo dalla visione di un’animazione illustrata e relative attività di comprensione in lingua, si è approfondito il concetto di sostenibilità ambientale tramite la storia di supereroi. Gli alunni hanno analizzato la struttura e le caratteristiche tipiche del genere del fumetto, evidenziando gli elementi distintivi dei personaggi. Il fine ultimo è stato creare una campagna di sensibilizzazione sulle tematiche ambientali attraverso l’ideazione e la realizzazione di fumetti “eco-ambientali”, in versione digitale o disegnata a mano. In seguito all’emergenza sanitaria Covid-19 e con l’introduzione della Didattica a Distanza, lo step successivo ha previsto che gli alunni lavorassero in piccoli gruppi per “animare” i loro fumetti dentro un e-book. Gli alunni hanno interpretato i personaggi e registrato le battute attraverso registratori vocali e/o dentro l’app Book Creator, utilizzata per mettere insieme la loro raccolta di fumetti animati, e hanno montato le vignette con testo, immagini e audio.

– CLASSE SECONDA CLIL (Scienze)

Docenti in compresenza: Licia Arcidiacono (inglese); M. Rita Rosaria Petralia (Scienze)

Titolo: A Healthy Diet for a Better Life!

Tematiche: Agenda 2030, sviluppo sostenibile, acqua

Partendo dallo studio dei nutrienti e dei gruppi alimentari per analizzare stili di sana alimentazione, gli alunni hanno riflettuto sulle proprie abitudini alimentari e hanno costruito una piramide alimentare attraverso il lavoro di gruppo. Il percorso si è poi focalizzato sulla tematica water. I ragazzi hanno studiato l’importanza dell’acqua per le funzioni vitali del nostro organismo e hanno analizzato gli elementi principali di diversi tipi di acqua in bottiglia. Successivamente, in gruppo o individualmente, hanno inventato una propria acqua in bottiglia “eco-friendly” e hanno realizzato presentazioni PowerPoint per promuovere il prodotto a livello pubblicitario. La tematica è stata trattata anche in relazione alla crisi idrica mondiale e all’Agenda 2030.

Nei mesi di didattica a distanza, gli alunni hanno collaborato per realizzare una campagna di sensibilizzazione sul Coronavirus, inserendo vari prodotti (presentazioni PPT, video, disegni, poster…) all’interno di un e-book collettivo.

Inoltre, ad aprile con altre scuole partner è stato avviato un nuovo progetto eTwinning dal titolo The story of a water drop, che è perfettamente integrato alle tematiche che gli alunni stavano affrontando in questo percorso multidisciplinare CLIL e che proseguirà anche nell’anno scolastico 2020/2021.

 

CLASSE TERZA CLIL (Cittadinanza attiva, Scienze)

Docenti in compresenza: Licia Arcidiacono (inglese/potenziamento); Gabriella Arcadipane (Italiano); M. Rita Rosaria Petralia (Scienze)

Titolo: There is no Planet B!

Tematiche: Agenda 2030, sviluppo sostenibile, inquinamento ambientale

Gli alunni hanno trattato i punti programmatici dell’Agenda 2030, partendo dal tema del cambiamento climatico per poi arrivare ad analizzare tutti i 17 Goals che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del nostro pianeta. Lavorando in parallelo a tutte le fasi del progetto eTwinning Making Sustainability Goals Possible, ogni alunno ha effettuato ricerche su internet per approfondire uno specifico Goal creando un poster digitale con l’app PosterMyWall e, nel periodo di didattica a distanza, ha elaborato una registrazione video/audio per presentarlo all’interno di un e-book sull’Agenda 2030. L’e-book è stato impaginato e personalizzato dagli stessi alunni, che hanno spiegato le varie fasi del progetto che li ha visti protagonisti.

Il progetto eTwinning a cui hanno preso parte in parallelo le tre classi aperte, ha permesso ai ragazzi di riflettere sulle possibili soluzioni per risolvere i problemi posti dalle sfide globali, interagendo e scambiando informazioni con i partner stranieri. I lavori nazionali e transnazionali delle cinque scuole sono confluiti in una mappa interattiva finale.

PREMI E RICONOSCIMENTI

 

LABEL EUROPEO DELLE LINGUE 2020

 

 

 

 

 

 

Siamo onorati di aver ricevuto il prestigioso riconoscimento attribuito da oltre vent’anni da INDIRE per premiare le migliori iniziative nel settore dell’apprendimento e dell’insegnamento linguistico. Essere tra i 15 vincitori in Italia con il progetto di potenziamento CLIL & eTwinning for the 2030 Agenda valorizza la scelta di riformulare la nostra offerta formativa, nell’a.s. 2019/2020, con una sperimentazione a classi aperte per gli alunni del Triennio, collegando verticalmente tematiche e apprendimenti multidisciplinari e facendoli convergere in percorsi curricolari CLIL integrati a eTwinning, in linea con la politica dell’UE in materia linguistica, le Indicazioni Nazionali 2012 e gli obiettivi formativi prioritari indicati dalla Legge 107/2015 (Art.7).

http://www.erasmusplus.it/lingue/clil-etwinning-for-the-2030-agenda/

 

PRIMO PREMIO XXVIII EDIZIONE CONCORSO NAZIONALE IMMAGINI PER LA TERRA

 

 

 

 

 

Il nostro Istituto è tra le 8 scuole italiane vincitrici della XXVIII edizione di Immagini per la Terra, concorso nazionale annuale rivolto a studenti e insegnanti degli istituti di ogni ordine e grado italiani, pubblici e privati, presenti sul territorio nazionale e all’estero, promosso e realizzato da Green Cross Italia in collaborazione con il MIUR, il sostegno di Acqua Lete e il patrocinio delle più alte cariche dello Stato, tra cui il Senato della Repubblica e la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Ogni anno si chiede alle scuole di approfondire una specifica questione ambientale e seguire un percorso formativo e didattico che porti alla realizzazione di un elaborato; il titolo di questa edizione era “2030: facciamo l’Agenda” e ha ricevuto adesioni da oltre 9.000 studenti da tutta Italia. Una giuria composta da esperti nel campo delle scienze e dell’ambiente, esperti di comunicazione, pedagogia e giornalisti ha individuato due vincitori per ogni ordine di scuola e ha assegnato il Primo Premio nella classe di concorso scuola secondaria di I grado all’e-book sui 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 in lingua inglese, realizzato dal gruppo di alunni delle classi terze che hanno partecipato al progetto di potenziamento CLIL a classi aperte coordinato dalle prof.sse Licia Arcidiacono (Inglese), Sara Petralia (Scienze) e Marzia Arcadipane (Lettere). L’importante riconoscimento prevede anche un premio in denaro da destinare a sostegno di iniziative ambientali a favore della scuola d’appartenenza.

 

ALTRI PERCORSI DIDATTICI CLIL

Tre delle nove ore destinate al potenziamento CLIL sono state svolte all’interno di singole classi, in compresenza tra la docente di lingua inglese, prof.ssa Licia Arcidiacono, e 3 docenti di discipline non linguistiche (Italiano: prof.ssa Adriana Spatuzzi 3B; Geografia/Storia: prof.ssa Ornella Santonocito 1F, 3C).

 

In 3C, fino a marzo, è stato svolto un mini-modulo in presenza sui diritti umani, attraverso un percorso che, partendo dai documenti che nella storia dei secoli hanno costituito delle pietre miliari per il raggiungimento dei diritti umani, ha previsto una fase di approfondimento su personaggi significativi nella lotta al razzismo, alla povertà e ad ogni forma di oppressione sociale, collegandola indirettamente anche ad alcuni obiettivi specifici dell’Agenda 2030.

 

La 3B ha lavorato a un modulo sull’Europa, all’interno del progetto Erasmus+ KA2 “Bits and Pieces of Culture”, incentrato sul tema del patrimonio culturale europeo e legato allo sviluppo di competenze interculturali, linguistiche e digitali. Nello specifico, i ragazzi si sono impegnati nella creazione di cartelloni per l’accoglienza delle scuole partner, poi posticipata a data da destinarsi a seguito dell’emergenza Covid-19. Durante la didattica a distanza, i ragazzi hanno lavorato a un altro mini-modulo dedicato alla tematica della globalizzazione, analizzando i pro e i contro e osservando il modo in cui questo fenomeno incide sui diversi settori socio-economici.

 

La 1F ha svolto il progetto eTwinning Let’s take a stand, basato sui principi centrali della Partecipazione Democratica, in collaborazione con tre scuole da Polonia, Grecia e Spagna. Suddivisi in piccole comunità dai nomi immaginari, gli alunni sono stati chiamati ad organizzare la propria vita da cittadini attivi, stabilendo regole e comportamenti consoni ai principi di Partecipazione Democratica, costruendo collaborativamente gli elementi significativi della propria città ed eleggendone il sindaco. I diversi task, che si sono susseguiti tramite l’uso di varie app e strumenti digitali che hanno favorito il Cooperative Learning, hanno visto un alto grado di interazione tra i membri delle diverse comunità. In seguito all’arrivo di due “mostri”, i cittadini sono dovuti sfuggire al pericolo per poi riorganizzare la propria vita in modo democratico. L’attività finale ha previsto la progettazione e la realizzazione di una Escape Room virtuale: uno scenario a tema (una villa antica) da cui evadere per riconquistare la libertà attraversando un percorso insidioso e coinvolgente per trovare “il codice segreto” tramite quiz, indovinelli e giochi che rimandano ai contenuti del progetto stesso, costruiti insieme dai ragazzi durante le varie fasi di lavoro.

 

 

PROGETTI A.S. 2018/19

Nell’anno scolastico 2018/2019, oltre che per lo svolgimento di varie attività del progetto Erasmus+ Bits and Pieces of Culture, le ore di potenziamento CLIL sono state utilizzate per la realizzazione di una serie di percorsi didattici incentrati su diverse tematiche e discipline. Metodologia CLIL, eTwinning ed Erasmus+ sono stati uniti e sovrapposti tra loro per dar vita a un tipo di didattica innovativa incentrata sullo sviluppo delle competenze chiave europee.

Distribuito su 9 ore settimanali, il progetto è stato quest’anno destinato ad alunni di alcune classi seconde e terze della scuola secondaria di I grado ed è stato svolto in compresenza tra la docente di lingua inglese, prof.ssa Licia Arcidiacono, e 8 docenti di discipline non linguistiche (Italiano: prof.ssa Arcadipane 3E, prof.ssa Saporito 3A/3D, Prof.ssa Baccini 3F, prof.ssa Spatuzzi 2B; Geografia: prof.ssa Santonocito 2C; Scienze: prof.ssa Nicotra 3A, prof.ssa Bonasera 3C, prof.ssa Petralia 3E).

Il progetto The Solar System (3A, 3C, 3E) ha permesso ai ragazzi di approfondire la conoscenza del sistema solare, attraverso attività legate allo studio dei pianeti e a un lavoro di gruppo per creare dei cartelloni da presentare oralmente al resto della classe. La 3A ha realizzato un planetario multimediale, creando per ciascun pianeta dei QR code con all’interno varie informazioni da scansionare.

Da novembre ad aprile, estendendo il progetto originario, la 3E ha svolto insieme a due scuole francesi e una slovacca il progetto eTwinning “Rocketship 2: Fly Me To The Moon (EPI)”. Lavorando in sinergia con le tre scuole straniere, gli alunni hanno simulato di partecipare a una scuola intergalattica presentando una candidatura individuale composta da CV e lettera motivazionale, facendo delle ricerche di gruppo sul sistema solare, immaginando itinerari spaziali e documentando il viaggio attraverso la combinazione di elementi scientifici e scrittura creativa. Tutti i materiali prodotti hanno contributo alla realizzazione collaborativa di un e-magazine che non è solo una vetrina di contenuti, ma racconta anche le varie fasi del processo di insegnamento-apprendimento dal punto di vista di alunni e docenti. La realizzazione di questo prodotto ha favorito il raggiungimento delle competenze chiave tramite un approccio interdisciplinare che ha puntato a sviluppare più competenze, promuovere la capacità di lavorare in gruppo e usare la lingua straniera come strumento operativo e integrare apprendimento e uso funzionale delle TIC. Il 12 febbraio, per le classi terze, è stata inoltre prevista l’unione tra teoria e pratica sul campo attraverso una visita didattica al Planetario di Zafferana.

Il progetto The Earth and Natural Features (3A, 3C, 3E) ha ripreso parzialmente quanto svolto con il progetto eTwinning dell’anno scolastico precedente. All’acquisizione di conoscenze sulla struttura della Terra, sui vulcani e sulle cause e conseguenze dei principali disastri naturali (eruzioni, terremoti) e sull’importanza della prevenzione sono stati man mano associati una serie di task collaborativi, differenziati in base alle varie classi (racconto sul viaggio al centro della terra; Powerpoint sull’Etna; ideazione di una app utile in caso di terremoti).

Il progetto su Sustainable Development (3A, 3D, 3F), in linea con le direttive ministeriali riguardo alla trattazione dello sviluppo sostenibile all’interno del curriculum scolastico, ha permesso alle classi di conoscere i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 e realizzare poster, campagne pubblicitarie, PowerPoint o fumetti al fine di sensibilizzare alla tematica.

Il progetto Heroes of Humanity (3F) è stato incentrato sullo studio e la presentazione di un personaggio rilevante per l’umanità, affrontando temi trasversali come la lotta al razzismo, alla povertà e a ogni forma di oppressione sociale.

Per il progetto Stop Cyberbullying (3F) si è partiti da un’analisi del fenomeno sociale del cyberbullismo e dei pericoli della rete per i teenagers, discutendo tramite la metodologia del debate e sviluppando così thinking skills, per poi arrivare a una parte pratica in cui gli alunni hanno creato un poster per simulare una campagna pubblicitaria contro il cyberbullismo.

Alla fine dell’anno scolastico, i ragazzi hanno presentato i migliori prodotti realizzati con i vari progetti CLIL all’interno della manifestazione internazionale Bits and Pieces of International Projects.

 

PROGETTI A.S. 2017/18

Clicca qui

Per l’anno scolastico 2017/2018 sono stati ideati quattro percorsi didattici trasversali alle varie classi, in modo da seguire una linea di lavoro comune e favorire il confronto e la condivisione dei lavori conclusivi. Distribuito su 9 ore settimanali, il progetto è stato destinato a tutti gli alunni delle classi terze ed è stato svolto in compresenza tra la docente di lingua inglese, prof.ssa Licia Arcidiacono, e 8 docenti di discipline non linguistiche (Arte: prof.ssa Geraci 3B; Italiano: prof.ssa Arcadipane 3E, prof.ssa Treccarichi 3A, prof.ssa G. Santonocito 3D; Geografia: prof.ssa Baccini 3D; prof. Garozzo 3B; Scienze: prof.ssa Bonasera 3C, prof.ssa Nicotra 3A, prof.ssa Petralia 3E).

Per realizzare i progetti è stata utilizzata una didattica a carattere laboratoriale, al fine di promuovere il ruolo attivo dello studente e privilegiare il lavoro in team. I percorsi didattici sono stati incentrati su Task-Based Learning, Cooperative Learning e Learning by doing, con l’ideazione di moduli didattici digitali secondo la metodologia CLIL, in cui la funzione delle nuove tecnologie applicate alla didattica rappresenta un elemento di grande importanza per facilitare l’apprendimento.

Con il progetto Stop Cyberbullying, gli alunni di 3A, 3D e 3E sono partiti da un’analisi del fenomeno sociale del cyberbullismo e dei pericoli della rete per i teenagers per poi arrivare a una parte pratica e creativa in cui, suddivisi in gruppi, hanno ideato, interpretato e girato dei cortometraggi tramite dispositivi cellulari.

Clicca qui

Con il progetto The World of Advertising, gli alunni della 3B hanno studiato l’evoluzione storica della pubblicità e hanno appreso termini tecnici legati al mondo dell’advertising e del marketing pubblicitario analizzando loghi, poster e linguaggi utilizzati in alcuni esempi proposti. Nella fase pratica, in gruppo hanno realizzato un prodotto ricavato da materiali di riciclo, ideando poi una campagna di marketing e un breve video di presentazione dello stesso.

Clicca qui

Con il progetto Addictions, gli alunni di 3D e 3E hanno studiato alcune delle più comuni dipendenze tra i giovani (alcol, fumo, internet, online gaming), i rischi che ne conseguono per la salute e i fattori socio-culturali che possono contribuire a determinarle. Il prodotto finale è stata la creazione, singola o di gruppo, di storyboard digitali al fine di ideare una campagna di sensibilizzazione contro una delle dipendenze trattate in classe.

Clicca qui

Il progetto The Earth and Natural Features – Learning from Italy and Northern Ireland, realizzato trasversalmente in tutte le classi durante tutto l’anno scolastico, è stato quello più articolato e complesso, in quanto inserito anche all’interno di un progetto eTwinning svolto in collaborazione con una scuola dell’Irlanda del Nord, St Colman’s High. Il gemellaggio virtuale è stato un ottimo modo per dare un senso concreto all’uso della lingua straniera come lingua veicolare, permettendo ai ragazzi di confrontarsi con una realtà scolastica diversa e collaborare per creare un prodotto condiviso.

All’acquisizione di conoscenze sulla struttura della Terra, sulle cause e le conseguenze dei principali disastri naturali e sull’importanza della prevenzione sono stati man mano associati una serie di task collaborativi che hanno tutti contribuito a creare i contenuti di un e-magazine interattivo, che racchiude pure una serie di materiali multimediali realizzati dagli alunni tramite le nuove tecnologie. Il magazine non è solo una vetrina di contenuti e materiali grafici che rielaborano quanto appreso durante il lavoro in classe, ma racconta le varie fasi del processo di insegnamento-apprendimento dal punto di vista dei ragazzi e dei docenti. La realizzazione di questo tipo di prodotto ha favorito il raggiungimento delle competenze chiave tramite un approccio interdisciplinare che ha puntato a motivare gli alunni, promuovere la capacità di lavorare in gruppo, usare la lingua straniera come strumento operativo e integrare apprendimento e uso delle TIC.

Clicca qui

Alla fine dell’anno, i docenti coinvolti nel progetto hanno organizzato il CLIL Day, un momento conclusivo di condivisione dell’esperienza didattica e di tutti i lavori realizzati dalle cinque classi, al fine di valorizzare e dare una giusta gratificazione agli studenti, premiando con degli attestati i risultati eccellenti raggiunti non solo dai più meritevoli, ma anche dai tanti ragazzi che hanno accolto il progetto con grande entusiasmo, impegno e partecipazione.